Piazza S. Agostino n. 21 - 01022 Bagnoregio (VT)     |     comune.bagnoregio.vt@legalmail.it     |     0761.780815/8
  • lang0

Bonaventura Tecchi

Bonaventura Tecchi"La fiaba del paese che muore - del paese che sta attaccato alla vita in mezzo a un coro lunare di calanchi silenziosi e splendenti, e ha dietro le spalle la catena dei monti azzurri dell'Umbria - durerà ancora"
da Bonaventura Tecchi, Antica Terra

Bonaventura Tecchi nacque a Bagnoregio nel 1896 e morì a Roma nel 1968.
Direttore (1925-1931) del Gabinetto Vieusseux di Firenze, lettore (1933-1937) nelle università di Brno e Bratislava, dal 1939 professore di lingua e letteratura tedesca all'Università di Padova.
Germanista, ebbe la cattedra di letteratura tedesca all'Università di Roma, direttore dell'Istituto Italiano di Studi Germanici.

Ebbe una intensa attività di saggista e traduttore dal tedesco (Goethe, Wackenroder, Carossa).
Esordì in narrativa con Il nome sulla sabbia (1924). Si tratta di un racconto vicino al diario autobiografico in cui è il contrasto, che sarà poi dominante in Tecchi, tra sensualità e coscienza morale, egocentrismo e anelito a superarlo mediante la comprensione degli altri e l'apertura verso la natura, la carità cristiana. Pubblicò poi una serie di romanzi, racconti e prose.

Al centro della sua attenzione sono sottili problemi morali e psicologici, indagati secondo una ottica cristiana. Il suo stile e classico, rigoroso. Le cose migliori sono ritratti di caratteri femminili. Nella sua narrativa Tecchi cerca di indagare i più sottili moti dell'animo, e del subconscio, attraverso la chiarezza della scrittura e dell'espressione. Il travaglio psicologico-morale sempre più coincide con quello estetico. Il paesaggio ha in Tecchi la funzione di coro, dà risonanze allusive e simboliche al realismo delle figure umane descritte.

Bibliografia:
Il nome sulla sabbia (1924), romanzo
Wackenroder (1927), saggio
Il dramma del Foscolo (1928), saggio
Il vento tra le case (1928), romanzo
Tre storie d'amore (1931), racconti
Maestri ed amici (1934), saggi
I Villatàuri (1935), romanzo
Ernestina (1936), romanzo
Idilli moravi (1939), racconti
Giovani amici (1940), romanzo
Scrittori tedeschi del '900 (1941), saggio
La vedova timida (1942), romanzo
Un'estate in campagna (1945), romanzo
L'isola appassionata (1945), romanzo
Carossa (1947), saggio
La presenza del male (1948), romanzo
Sette liriche di Goethe (1949), saggio
Valentina Velier (1950), romanzo
Luna a ponente (1955), narrativa
la'rte di Thomas Mann (1956), saggio
Storie di bestie (1957), racconti
Gli egoisti (1959), narrativa
Officina segreta (1957), saggio
Svevia, terra di poeti (1964), saggio
Goethe scrittore di fiabe (1966), saggio
Il senso degli altri (1968), saggioultimo aggiornamento di
Valuta la pagina - stampa